Benefits

    Benefits

    Benefits

    CONCERTI

    … parole pronunciate in modo rovente e fortemente politicizzato, che ruggiscono con un’intensità travolgente su uno sfondo di noise rock…” The Quietus

    I Benefits sono qualcosa di diverso, qualcosa di primordiale ed essenziale che deve essere ascoltato”. NME

    I fucking love Benefits” Steve Albini

    Nei loro quattro anni di esistenza, è cambiato molto per gli agitatori di Teesside (UK), i Benefits. Durante il lockdown si sono trasformati da vivaci punk guidati dalle chitarre, in potenti e brutali signori del rumore, la cui musica furiosa e viscerale gli è valso quel tipo di passaparola che la maggior parte degli artisti può solo sognare. La voce parlata (e urlata) del frontman Kingsley Hall funge da giusto rimprovero alla retorica divisiva, xenofoba e velenosa proveniente dal di fuori, diffusa da coloro che vogliono trarre profitto dalle disgrazie, e che ha completamente stravolto il discorso pubblico.

     

    Ogni volta che nasceva una delle polemiche pungenti della band, si diffondeva rapidamente sui social media come un antidoto a una malattia e raccoglieva sempre più persone a favore di quella determinata causa. Fin dall’inizio, la band ha saputo annoverare tra i propri fan, artisti di altissima caratura come Steve Albini, Sleaford Mods e Modeselektor. Seguirono presto entusiastiche coperture mediatiche da parte di magazine del calibro di NME, The Quietus, Loud & Quiet e The Guardian e altri. Nonostante tutto, il gruppo è rimasto a lungo fieramente DIY, muovendosi al 100% senza etichetta, ufficio stampa o altre figure specifiche del settore.

    Ora, tuttavia, hanno deciso di fare un passo avanti, firmando con la stimata etichetta indie Invada che ha pubblicato il loro album di debutto ‘NAILS‘ il 22 aprile. 

    Avremmo potuto pubblicare un disco in qualsiasi momento negli ultimi due anni, ma ci siamo trattenuti perché volevo aspettare che arrivassero le persone giuste“, afferma Hall. Il co-fondatore dell’etichetta Geoff Barrow dei Portishead è stato uno dei tanti ad essere stato affascinato dalla loro musica, e quando ha avuto l’opportunità di vedere il gruppo esibirsi dal vivo, nella sua nativa Bristol, ne è rimasto subito affascinato.

    La sua fiducia nella band è stata ampiamente ripagata, producendo un disco che non solo conferma la genialità del gruppo, ma ridefinisce anche tutta una serie di aspettative. 

    È un lavoro che cattura tutta la rabbia che li ha resi uno dei gruppi più emozionanti del paese e in cui il loro suono si evolve in modo nuovo e audace, sia dal punto di vista sonoro che emotivo. “Sarebbe stato facile fare solo dieci versioni di ‘Empire’, ma siamo più eclettici di così”, sottolinea Hall. “C’è molto di più da quello che potresti aspettarti di sentire da noi.

    Prendiamo ad esempio il singolo principale “Warhorse”, una risposta giocosa a tutti coloro che hanno messo in discussione le qualità “punk” della band, che ha raccolto una serie di drum fill che scimmiottano artisti del calibro di Sex Pistols, The Clash e The Damned, e li ha trasformati in un implacabile elettro-banger ballabile. “Adoro il punk, adoro il cartoon punk, penso che sia geniale“, afferma Hall. Sa anche, però, che a volte il modo migliore per trasmettere certi tipi di messaggi è commuovere le persone. “Un pugno di ferro in un guanto di velluto”, dice. “Alla fine, per quanto sia importante commentare la povertà, l’estrema destra, la disuguaglianza sociale, vogliamo renderlo divertente anche per tutti”.

    NAILS” è un disco è così forte che gli altoparlanti si logorano sull’orlo del collasso totale, ma, nonostante tutto il rumore, il momento più sorprendente di tutti è quando Hall si concilia con la sua vulnerabilità. Nella traccia di chiusura “Council Rust”, la musica si trasforma in una bellissima ondata di elettronica ambient e archi, con Hall che trascina la sua voce in un intimo monologo interiore che riflette su passato, presente e futuro con sorprendente profondità esistenziale. Così si chiude un disco che, nel suo insieme, offre l’opportunità di fare il punto su quanto sia ampia oggi la portata dei Benefits.

     

    In questo album, ciò che diventa chiaro è quanto siano coesi i compagni di band di Hall. Insieme ai fratelli Robbie e Hugh Major, che sono stati con lui fin dall’inizio, e ai quali dobbiamo la componente l’elettronica più tagliente, una successione di vari batteristi ha tirato fuori sempre qualcosa di nuovo. Per quanto riguarda l’evoluzione dal vivo del gruppo, nel frattempo, l’aggiunta dell’ex batterista dei Mogwai Cat Myers – ora membro a tempo pieno – è stata, come dice Hall, “assolutamente incredibile. Ci ha assolutamente trascinato su un altro livello. Non vedo l’ora di iniziare a scrivere nuova musica con lei”.

     

    La dice lunga sull’approccio dei Benefits il fatto che, con questa testimonianza/documento di definizione dei primi quattro anni ormai conclusi, la loro attenzione è già proiettata su ciò che verrà dopo. È una mentalità, dice Hall, che riflette un aspetto della loro regione d’origine che spesso viene trascurato. Nel bene e nel male, dice, “il Nord Est è sempre stato modernista, anche se spesso è dipinto come un’area che guarda al passato. Era all’avanguardia nella tecnologia della produzione dell’acciaio e delle opere chimiche; molti degli edifici sono in cemento degli anni ’60 e ’70. Anche il modo in cui proviamo ad articolare i nostri messaggi è modernista. Non stiamo cercando di richiamarci ai lati B del Britpop o degli Arctic Monkeys”.

    Il messaggio delle canzoni dei Benefits è stato spesso presentato come sinonimo, in qualche modo, del loro particolare angolo della Gran Bretagna, ovvero il cuore del cosiddetto “Muro Rosso” che è passato dal partito laburista al partito conservatore nelle elezioni generali del 2019, ed è stata una delle più importanti roccaforti degli elettori del Leave durante il referendum sulla Brexit di tre anni prima. In una certa misura, questo è vero, ammette Hall, “ma non stiamo cercando di essere i manifesti del Nord-Est. Tanti altri posti hanno queste difficoltà, è un problema nazionale”. 

    In definitiva, la caratteristica distintiva dei Benefits, è l’inclusività. “Ovviamente vogliamo fare concerti sempre più grandi, voglio suonare a Glastonbury e arrivare a Jools Holland, ma non si tratta solo di ricevere una pacca sulla spalla“, spiega Hall. “Penso che lo scopo della band non sia solo avere un disco o esibirci sul palco; si tratta di provare a fare qualcosa che arrivi alle persone. Per cercare di convincere le persone a credere in se stesse e a smettere di essere oppresse dalla Gran Bretagna moderna. I Benefits sono sempre stati un veicolo per incazzarsi, e noi vogliamo dimostrare che c’è quella voce, che va bene essere arrabbiati e frustrati. Che ci sono persone là fuori che la pensano allo stesso modo.”