Maria Chiara Argirò

    Maria Chiara Argirò

    Maria Chiara Argirò

    CONCERTI

    Da quando si è trasferita a Londra da Roma 11 anni fa, Maria Chiara Argirò si è agevolmente fatta strada nel mondo jazz, classico ed elettronico del Regno Unito. 

    Pianista dall’età di nove anni e protagonista della scena jazz internazionale della capitale, ha prestato le sue abilità alla band indie These New Puritans e alla lussureggiante compagnia jazz Kinkajous. Più recentemente ha collaborato con Jamie Leeming – il loro album Flow del 2020 a ricevuto una nomination come album dell’anno ai Jazz Revelations Awards ed è stato l’album jazz del mese del Guardian – ed è parte del duo elettronico Moonfish.

    Il suo nuovo album, Forest City, crea un filo scintillante tra tutte le sue anime, contraddistinguendola come un’entusiasmante artista emergente, dove il jazz incontra Kelly Lee Owens, Jon Hopkins e Radiohead. È un concept album, sulla “dualità di natura e città”, e dove i suoni e le trame organiche sembrano fluire al di sopra dell’espansione urbana incontrollata.

    Maria Chiara aveva terminato l’album prima del lockdown del 2020, ma l’isolamento forzato ha contribuito a dare alla musica un senso di urgenza, un desiderio di essere immersa nel mondo naturale e allo stesso tempo nel brusio della città. Le canzoni iniziano sempre come qualcosa che può suonare anche acusticamente, che funzionerebbe bene anche senza campane e fischi, e che poi crea l’atmosfera intorno a loro. “La musica deve stare in piedi da sola, una melodia deve essere forte”, dice. Ma sebbene l’album abbia sfumature oscure, non è tutto buio e negativo: nella sua metropoli terrena, traspare un certo ottimismo. “Si tratta di essere consapevoli del mondo in cui viviamo e di quanto dobbiamo essere attenti”, spiega Maria. “Alla fine della giornata, c’è speranza”.

    La sua più grande influenza durante la crescita è stata sua madre, un’insegnante di danza, la cui passione per il balletto e la danza contemporanea ha ispirato Maria a iniziare le lezioni di pianoforte quando era bambina. Ma all’inizio dell’adolescenza aveva scoperto il jazz “e questa è diventata un’ossessione”, dice. Ha iniziato ad ascoltare artisti del calibro di Thelonious Monk, Miles Davis e Herbie Hancock, per poi passare al prog degli anni ’70 (Pink Floyd) e al folk (Nick Drake) – suoni che erano in contrasto con il rigoroso mondo classico. “Volevo essere una ribelle”, dice.

    Quando aveva iniziato a suonare a Roma, continua Maria, era una delle pochissime donne dell’ambiente jazz a cui riusciva a pensare. “Per tutta la vita sono stata circondata da uomini”, dice. “Ma quando hai 15 anni, non pensi davvero di essere l’unica donna. Ora vedo molte più donne nel jazz e nella musica elettronica, ma allora non era affatto così”. Si è trasferita a Londra più di dieci anni fa per immergersi nella scena musicale; in Italia, dice, “il jazz è ancora visto come la musica della vecchia generazione. Io volevo trovare la mia strada”.

    A Londra, ha studiato al London Centre of Contemporary Music e poi si è laureata in jazz alla Middlesex University. Il giorno dopo il suo ultimo esame è andata in tour con il gruppo sperimentale post-punk These New Puritans. “Poi io e i ragazzi ci siamo rinchiusi in sala prove ed è stato pazzesco.” Il gruppo ha influenzato enormemente il suo approccio alla musica. “Loro non sono mai stati troppo preoccupati di essere commerciali”, dice, “e mescolano i generi liberamente”.

    Quando i These New Puritans hanno aperto un concerto di Björk a Los Angeles, è stato un momento cruciale per lei, dato che anche la musicista islandese ha sempre esercitato una grande influenza su di lei. “È la sua abilità artistica che mi ispira”, spiega, “la sua capacità di spingersi sempre oltre i limiti, sempre con un occhio ai dettagli e lavorando sempre con validi collaboratori”. Anche Maria Chiara come Björk ha un debole per l’esplorazione di strumenti non occidentali, ha studiato djembé e ha suonato in band guidate da percussionisti senegalesi come Sena M’Baye e Ady Thioune.

    Maria ha già pubblicato in passato alcuni dischi da solista, ma con Forest City sembra voler voltare pagina. Gli ultimi 18 mesi le hanno fornito la tregua di cui aveva bisogno per affinare il proprio suono, mentre si liberava dalle strutture del jazz sul suo laptop e aggiungeva densi boschetti di texture e ritmi elettronici. Ha registrato e autoprodotto l’album tra la sua camera da letto e il suo studio con il prezioso aiuto dei suoi collaboratori di lunga data e produttori di musica elettronica, In a Sleeping Mood e l’ingegnere del missaggio Alex Killpartrick. E, soprattutto, per la prima volta è presente la sua voce, ariosa e ultraterrena, in “Blossom” e “Clouds” e che ricorda in particolare Emiliana Torrini o una cantante in un fumoso club notturno, da sola sotto i riflettori sul palco .

    Essere in isolamento, dice Maria, le ha dato la libertà di cui aveva bisogno per esplorare la sua voce. “Ho pensato, ‘Farò esattamente quello che voglio fare, senza limiti”, dice. Con quel tipo di prospettiva illimitata, chissà cosa farà dopo.

    L’8 febbraio 2024 Maria Chiara Argirò ha annunciato il suo prossimo album Closer di cui ha pubblicato lo stesso giorno la titletrack e il video diretto dal regista Raoul Paulet

    Sull’album dice: “Si tratta di una sensazione, una sensazione onirica in movimento, una sensazione che non possiamo descrivere, un sogno che sto attraversando. Emozioni/sogni/sentimenti che a volte puoi solo immaginare, un mondo onirico in cui camminiamo per arrivare un po’ più al centro di noi stessi, anche se le cose sono completamente indefinite e sfocate. Mentre lavoravo alla musica c’era questa forte sensazione – a volte sfocata, a volte più definita – di avvicinarmi, con ogni singola nota, sempre più alla persona che voglio essere. Gratuito. Curioso e di conseguenza consapevole, connesso e più vicino alle persone che amo. C’è così tanto rumore in questo mondo, penso che essere diretti, gentili, leggeri, aperti e connessi sia la chiave”

     

    Yuri Toccacelli – yuri@dnaconcerti.com